domenica 10 novembre 2013

L'India che cambia

Eravamo a casa di un cugino per la festa di "Bhai-duuj", letteralmente "il secondo giorno della luna per il fratello", la festa durante la quale le sorelle pregano per la lunga vita dei loro fratelli. Due giorni prima, in una notte senza la luna, avevamo celebrato la festa della luce (Diwali), quando le case erano state addobbate con le lampade e le candele.

Negli altri giorni precedenti e successivi a Diwali, vi sono altre feste del calendario indù come il Dhanteras e il Vishwakarma puja. E' infatti il periodo festivo più importante in India.

A casa di mio cugino, per celebrare la festa del fratello eravamo in 33 - mio cugino, sua moglie, sua figlia, suo figlio con la moglie, e altre 28 persone, tra i quali altri miei cugini e diversi parenti con i loro figli.

Nella nostra famiglia, come nella maggior parte delle famiglie indiane, tradizionalmente, tutti i cugini e le cugine sono considerati fratelli e sorelle, sia per le festività ma anche per i diritti e i doveri sociali e culturali. Per cui, la cerimonia della festa di Bhai-duuj aveva coinvolto quasi tutti, ad iniziare con la "sorella" più anziana e il "fratello" più anziano.

Un piatto di aarati era stato preparato per il rito con incenso, una lampada e il polvere di roli (polvere di curcuma arrostito affinché diventa quasi marrone-rosso) mescolato con i chicchi di riso. La sorella doveva girare il piatto in un movimento circolare intorno alla testa del fratello, ripetere la preghiera per la salvaguardia del fratello, poi, con il dito indice della mano destra, applicare una punta di roli e di riso sulla fronte del fratello, e alla fine offrire un po' di dolce al fratello. In cambio, il fratello doveva offrire un po' di dolce alla sorella e poi darle un regalo (di solito, soldi) con la promessa di assistere e aiutare la sorella in caso di bisogno.

Bhaiduuj, festa del fratello, Delhi, India - immagini di Sunil Deepak, 2013

Il cugino che ci ospitava quest'anno per la festa del fratello, gli era stato diagnosticato un tumore qualche mese prima. Da quando aveva iniziato la chemioterapia, era dimagrito e aveva perso la maggior parte di suoi capelli. Un altro cugino venuto per la cerimonia, era stato sottoposto recentemente alla chirurgia cardiaca. Per cui, nella gioia di rivedere tante persone che non avevo visto da tanto tempo, c'era anche un po' di malinconia e paura per il futuro.

Partecipavo in questa cerimonia famigliare dopo più di 25 anni. Con alcuni di miei cugini, dall'ultima volta che eravamo stati tutti insieme per questa cerimonia,  erano passati 40-50 anni. Mentre guardavo i loro figli e ascoltavo le loro storie, pensavo a come erano cambiati i tempi.

Soltanto uno dei miei cugini ha avuto un nipotino - nessun altro dei figli e delle figlie di miei cugini ha avuto dei figli. L'età dei circa 20 giovani riuniti quel giorno variava da 25 a 40 anni, ma tranne uno di loro, nessun altro aveva voluto avere dei figli. Voleva dire che i giovani della nostra famiglia erano simili ai giovani in Europa o in America. Penso che 20 anni prima, trovare un simile gruppo di giovani indiani senza figli sarebbe stato difficile.

Uno dei giovani del nostro gruppo convive con una ragazza cristiana di origine cinese mentre un altro si è sposato qualche anno fa con una ragazza di religione sikh. Una delle ragazze che lavora per una multinazionale in India, era accompagnata dal suo compagno cattolico, e mi aveva raccontato che non avevano ancora deciso se e quando volevano sposarsi. Uno dei figli di una cugina convive con una donna divorziata che aveva avuto una figlia dal suo primo matrimonio. Comunque, nessuno di questi fatti aveva creato dello scandalo in famiglia.

Infatti, tutti sembravano accettare questo cambiamento tranquillamente. Durante la serata, una delle giovani ragazze single aveva scherzato che forse avrebbe preferito avere una relazione omosessuale e né anche questo aveva creato un grande scompiglio tra i miei cugini. Invece, un cugino, chiaramente arrivato alla disperazione, aveva sollecitato i giovani a fare dei figli anche se non avevano intenzione di sposarsi!

Forse i miei cugini e i loro figli non sono un campione rappresentativo dell'India. Loro rappresentano la classe educata, molti sono professionisti, altri lavorano per le grandi corporazioni, qualcuno di loro vive all'estero. Tutti sono benestanti e fanno parte della borghesia medio-alta dell'India. Per cui non si può generalizzare il loro mondo per capire come è cambiata l'India.

Tutta via, sono rimasto molto colpito da questo cambiamento generazionale.

***

martedì 8 ottobre 2013

La storia delle vecchie foto

E' una vecchia storia, scoperta per caso, che coinvolgeva i miei genitori. Non so quanto importante era questa storia per mio padre, ma probabilmente aveva tormentato mia madre profondamente.

Il mondo è pieno di queste piccole storie. Si poteva lasciare che anche questa storia resti nel dimenticatoio, dove era rimasta per quasi cinquanta anni. Poi ho pensato che oramai tutti i protagonisti di questa storia erano scomparsi. Non poteva più fare del male a nessuno a parlarne. E per me, forse l'aspetto più importante di questa storia era come le sue foglie, cadute da un albero oramai secco e morto, erano state trasportate sul vento del tempo, e mi avevano trovato.

Tutto è iniziato da una vecchia foto in bianco e nero, nascosta tra le vecchie carte in una logora borsa di plastica nel armadio di mia mamma.

Una foto dal passato

Era il febbraio 2010, a Nuova Delhi in India. Mia mamma morì dopo 10 giorni di coma. Nel 2001, le avevano diagnosticato il morbo di Alzheimer. Ossessionata dalla paura di dimenticare e di perdersi, scriveva dappertutto l'indirizzo di casa e il numero di telefono di mia sorella, con la quale viveva. Rimasta vedova a 42 anni, mia mamma aveva fatto l'insegnante in una scuola elementare e poi quando era andata in pensione, aveva passato molto tempo con gli scritti di mio padre, curandone la conservazione e la ristampa. Teneva un diario dove notava con precisione le sue spese quotidiane insieme agli appunti sulla sua solitudine dopo la morte di mio padre.

Alcuni giorni dopo la sua morte ero nella sua casa con mia sorella Vinni, dove aveva vissuto prima di ammalarsi. Controllavamo le sue carte per decidere che cosa tenere e che cosa buttare via. Il suo armadio era pieno di libri, riviste e vecchi sacchetti di plastica, dove teneva suddivisi i vari scritti di mio padre, la corrispondenza, le varie bollette, e le altre cento mila cose che si accumulano durante le nostre vite.

In uno di quelli sacchetti di plastica avevamo trovato delle vecchie foto e alcune lettere. Avevo intravisto una foto che mi aveva subito incuriosito - una foto in bianco e nero, di una donna occidentale con i cappelli ricci.

"Guarda c'è una foto di Margo!", avevo detto a Vinni. Non avevo dovuto a pensarci, il suo nome mi era tornato in mente in un lampo.

"Chi era?" Vinni mi aveva chiesto.

"Era un'amica di papà. Lavorava con il partito socialista e l'avevamo incontrata a Hyderabad, prima della tua nascita. Una volta ci aveva mandato anche dei regali dall'America", le avevo spiegato. Le memorie sono strane, chissà dove dormono dentro di noi, e all'improvviso si svegliano. Mi erano venuti in mente i due morbidi guanti-pupazzi, uno con la faccia di gatto e l'altro di coniglio, che Margo ci aveva mandato in un pacco.

Nel sacchetto avevo trovato un'altra foto di Margo e una sua cartolina mandata a mio padre da Firenze. Avevo messo da parte queste cose, tra quelle che volevo guardare con calma.

I primi dubbi

Dopo alcuni mesi, quando avevo guardato la foto di Margo, avevo capito che c'era qualcosa di strano in quella foto. A Delhi, non l'avevo guardata con l'attenzione. Non era una foto normale - la foto era attaccata alla pagina strappata da un passaporto, ed era il passaporto di Margaret Louise Skinner.

Margaret Louise Skinner story

Come mai mia mamma aveva una pagina strappata dal passaporto di Margo?

Ho ripensato a quelli anni quando avevo conosciuto Margo. Era il 1960. Mia mamma, io e mia sorella Pinki, abitavamo a Delhi. Avevo 6 anni e mia sorella ne aveva 4. Dal 1958, mio papà viveva a Hyderabad nel sud dell'India, dove lavorava nel giornale del partito socialista. Nell'estate 1960, durante le ferie estive, noi tre eravamo andati a Hyderabad per passare le ferie con lui.

Di quelle ferie ho alcuni ricordi vaghi. Avevamo incontrato Margo, e ho un ricordo di un viaggio in città seduti su un risciò, mentre ero seduto in mezzo a Margo e mia mamma. Era un risciò senza pedali, tirato da un "uomo cavallo" e ricordo le sue gambe scure e magre che correvano sul asfalto.

Invece non ho nessun ricordo di una tensione o dei litigi tra mia mamma e mio papà.

Dopo alcuni mesi della nostra visita a Hyderabad, mio papà era stato trasferito alla sede del partito socialista di Delhi. Di quei giorni ho il ricordo di essermi svegliato una notte per una lite furibonda tra il mio papà e la mia mamma.

Non avevo altri ricordi legati a Margo, se non quelli di un pacco con dei regali arrivato dall'America. Oltre ai guanti-pupazzi per me e mia sorella Pinki, il pacco aveva anche delle cose di trucco per mia mamma - creme, rossetti e matite per colorare gli occhi. Ricordo l'apertura del pacco quando il postino l'aveva portato, ma non mi ricordo di aver mai giocato con quelli guanti-pupazzi. Tutte le cose di quel pacco erano sparite. Penso che mia mamma mi aveva spiegato che erano dei regali costosi per cui lei li aveva messi via per tenerli con cura. Comunque, dopo un po', avevo dimenticato quel pacco.

Allora perché mia mamma aveva una pagina strappata dal passaporto di Margo?

L'unica spiegazione che mi è sembrata plausibile era che mia mamma aveva strappato la pagina dal passaporto di Margo. E perché mia mamma aveva fatto una cosa del genere? Forse perché era molto arrabbiata con Margo e questo era un gesto di rabbia?

Così mentre guardavo la foto di Margo, mi chiedevo se vi era stata una relazione tra mio padre e Margo? Che il nostro viaggio a Hyderabad in un momento quando avevamo grandi difficoltà finanziarie era stato organizzato perché qualcuno aveva informato mia madre di quella relazione? Che la nostra visita a Hyderabad centrava in qualche modo con il trasferimento a Delhi di mio padre alcuni mesi dopo? E la mia sorella Vinni nata un anno dopo, era il gesto di ripacificazione tra i nostri genitori?

Altri indizi

La seconda foto di Margo era stata scattata nelle Filippine, dove Margo era stata come una borsista Fullbright nel 1958. Invece la cartolina da Firenze, era timbrata il 16 ottobre 1961, ed era con la foto del Palazzo Vecchio. La cartolina iniziava con un "Caro Deepak", e parlava di palazzi di Firenze, di Lorenzo il magnifico, di Leonardo e di Dante, piena di piccole parole scritte fitte fitte. "Sono alloggiata in una pensione che era un vecchio palazzo dei Medici, pago 5 dollari al giorno, compreso tre pasti toscani al giorno e il vino." E alla fine era firmato, "la tua M".

Una volta che il sospetto di una relazione tra mio papà e Margo si è insinuato nella mia mente, volevo capire di più. Avevo parlato di miei dubbi con mia sorella Pinki, ma non ero riuscito a convincerla della mia ipotesi.

"Come fai a pensare che avevano una relazione, solo sulla base di una pagina di un vecchio passaporto? Può darsi che Margo l'aveva perso e poi l'hanno ritrovato ma nel frattempo, lei ne aveva già fatto fare un altro o era già partita per l'America?" Pinki mi aveva detto.

Ma ero convinto che c'era stato qualcosa di più tra mio papà e Margo. Così ho iniziato a fare qualche ricerca sull'internet.

Dopo diversi tentativi ho scoperto la Margaret Louise Skinner, che coincideva con i dati sul suo passaporto - era nata a San Francisco il 10 aprile 1921 ed era morta a San Francisco nel 1992. Aveva anche scritto un libro di poesie, "As green as emeraude" (Verde come smeraldo) che era uscito nel 1990. Ho continuato a scavare sull'internet e un giorno ho trovato l'indice di questo libro. Tra i titoli delle poesie di questo libro, c'era anche - "To Deepak" (A Deepak). Forse avevo finalmente trovato la mia prova?

Quel libro di Margo era fuori stampa. Per cui avevo chiamato mia sorella Pinki per raccontarle della mia scoperta e per chiederle di cercare una copia di questo libro. Lei vive in America, forse poteva trovare il libro in una biblioteca. Questa volta, Pinki concordava con me - intestare una poesia al mio padre, poteva essere un indizio!

Dopo qualche settimana Pinky mi aveva chiamato, "Avevi ragione. Ho trovato il libro di Margo. Il libro è dedicato al papà e la poesia 'A Deepak', è chiaramente una poesia d'amore. Era stata scritta alla sua morte nel 1975."

Dopo il 1960, non avevo più sentito parlare di Margo, era completamente sparita dalle nostre vite. Allora come aveva fatto lei a sapere della morte di mio papà nel 1975? Voleva dire che qualche amico di mio papà era a conoscenza del loro rapporto e le aveva scritto per informarla?

La mia ricerca sembrava conclusa. Avevano avuto un rapporto o forse era solo un'amicizia profonda, o una relazione platonica - comunque oramai non era importante sapere tutto questo. Mia mamma, Margo e mio papà, non c'erano più. Era forse una storia importante per mio papà? Chi lo sa! In ogni caso, lui aveva scelto di restare con noi, era tornato a Delhi e un anno dopo, era nata la mia sorella più piccola. Lo strappo tra i miei genitori, se c'era stato, era stato cucito.

Nel maggio 2010, avevo scritto della scoperta della foto di Margo sul mio blog in inglese, senza parlare della possibile relazione tra lei e mio papà. E avevo dimenticato questa storia.

Una nuova lettera

Qualche mese fa mi è arrivata un'email di una poetessa americana, Charlene Ungstad, la quale mi ha scritto di aver visto la foto di Margo sul mio blog. Charlene si interessa di vecchie foto e di vecchie memorie e cerca le loro inter-connessioni in quello che lei chiama il "movimento browniano". Lei aveva conosciuto Margo nel 1981 e così mi ha fornito ulteriori informazioni su Margo:
"Margaret pensava di non avere molto talento come scrittrice-poetessa e aveva scelto di lavorare come giornalista. Suo Marito Fritz Reuter Leiber (ndr: famoso scrittore di fantascienza) aveva perso la sua prima moglie Jonquil e aveva cominciato a bere, e Margaret l'aveva fatto venire da Chicago a San Francisco, dove convivevano. Voleva aiutarlo a superare il problema del alcolismo, anche se lei stessa aveva qualche problema con l'alcol. Lei era molto attiva con la comunità sud asiatica di San Francisco e scriveva anche per la rivista settimanale asiatica. La maggior parte dei loro amici erano quelli che si possono definire socialisti, artisti, bohemiani, e persone che pensavano di essere delle streghe o degli antichi guerrieri (per via dei libri di Fritz). Avevano partecipato anche alla marcia della protesta contro la guerra nel golfo.

Quando li avevo conosciuti vivevano in un ex-albergo-diventato-condominio. Le case editrici avevano truffato Fritz per decenni dei suoi diritti d'autore. Lui scriveva i suoi racconti e gli articoli per le riviste su una vecchia macchina da scrivere appoggiata su un tavolino basso - era così alto e vederlo tutto curvo per scrivere, mi dispiaceva molto.

Nel 1977, in una conferenza sulla serie Star Trek a San Francisco avevo visto Harlan Ellison, che era l'ospite d'onore, chinarsi giù su un ginocchio per parlare di Fritz come uno degli scrittori più importanti d'America che doveva vivere in grande povertà, perché gli avevano truffato dei suoi diritti d'autore. 
Una volta avevo dormito nella casa di Margo e Fritz, e ho visto degli scarafaggi che correvano sugli suoi trofei Nebula e Hugo che lui aveva ricevuto e che usava come ferma libri.

Persone come Ellison e Robert Silverberg avevano lanciato una campagna per cercare giustizia per Fritz. Grazie a questa campagna Fritz era riuscito ad avere dei soldi dalle sue case editrici. Così, Margo e Fritz hanno potuto lasciare quello squallido appartamento e a trasferirsi in una casa più solare e bella su Post Street. 
In quei giorni, Margo era stata diagnostica con la leucemia. Si erano sposati perché così Fritz poteva coprire le sue spese mediche. Poi Margaret stava meglio, ma nel 1992 Fritz ha avuto un ictus e dopo alcune settimane in ospedale in coma, era morto. Poco dopo di lui, anche lei se ne andata. Sono stata ai loro funerali. Diversi loro amici che facevano parte della Society for Creative Anacronisms (Società per gli anacronismi creativi), fondata da Fritz, avevano partecipato.

Quando aveva bevuto un po', Margo telefonava agli amici, anche alle 2 di notte, per fargli la domanda del suo personaggio televisivo favorito, Kojak, "Chi ti vuole bene, baby?"
La foto di Margo e Fritz qui sotto è del 1984 - era stata scattta da Dik Daniels - l'ho trovta sull'internet.

Margaret Louise Skinner story

Tramite Charlene ho trovato una recensione del libro di poesie di Margo scritto da un autore indiano, dott. Sanjiva Dev, che forse aveva conosciuto Margo quando era stata in India ed era rimasto in contatto con lei. In questo articolo lui aveva scritto di Margo:
"Era un'amante della cultura orientale, in particolare apprezzava i pensieri, l'arte e il popolo dell'India, dove lei aveva vissuto per 2 anni nel 1960-61. Era stata la capo redattrice della rivista in inglese "Mankind" che si occupava di politica e di cultura. Il dott. Ram Manohar Lohia (ndr: fondatore del partito socialista indiano) era stato il fondatore di questa rivista.

Poi la signorina Skinner era tornata a San Francisco dove lavorava come critico di cinema, faceva programmi radio e scriveva articoli per le riviste e le agenzie come Bay Guardian, Hollywood Reporter, Sacramento Bee, S.F. Chronicle, Toronto Star, Associated Press, Reuter, ecc. Si interessava anche di diversi sport. Aveva viaggiato in paesi come Hawaii, Filippine, Birmania, Hong Kong, India, Inghilterra, Francia e Italia. Si interessava di temi come antropologia culturale, ecologia e politica, e amava gli animali. Aveva avuto due gatti siamesi e un cane."
Il libro di Margo


Storia di Margaret Luoise Skinner
Qualche giorno fa, ho ricevuto il libro di poesie di Margo inviatomi da Charlene. Il libro è dedicato a mio papà Om Prakash Deepak con le seguenti parole: Poeta, filosofo e amico, un grande scrittore indiano, e un rivoluzionario non violento, il suo nome significava "luce".

Nella sua poesia "A Deepak" lei aveva scritto:
Le mie mani sentono ancora il tuo tocco
Vedo i tuoi occhi
Sento la tua voce nel cielo indiano acceso
Sei veramente partito per la tua grande notte?
O sei dentro il mio corpo e il mio cuore?
Anche in alcune altre sue poesie, mi sembra di intravvedere le ombre della loro storia. Per esempio, nella su poesia "Canzone" lei aveva scritto:
Un giorno il telefono squillerà
I cavi canteranno ..
e tutte le nostre ore di stasi
saranno dimenticate mentre attraverserò il mare
per incontrarti, amore
Con il libro di Margo nelle mie mani, penso alle nostra vite che durano solo un attimo. A parte le persone coinvolte, le nostre storie non interessano a nessuno.

Probabilmente se sapevo di questa storia quando ero un bambino, forse ne avrei sofferto anch'io. Invece, l'ho scoperta adesso, 50 anni dopo. Penso che la loro storia merita un ricordo tenero, senza altri giudizi.

Ed è per questo che l'ho voluta scrivere.

***

mercoledì 8 maggio 2013

Uomo Posseduto

Produzioni Dal Basso vogliono realizzare un film documentario Ghora (Uomo Posseduto) ambientato in India e cercano finanziatori. Con un contributo di 10,00 Euro (Dieci euro) potete sostenere una quota del loro documentario. Troverete maggiori informazioni sul loro sito:
http://www.produzionidalbasso.com/pdb_1758.html

GHORA.
LA DANZA DEGLI DEI.

film-documentario in fase di preparazione

India: Devidas, 50 anni, é cassiere in banca ma ogni anno ad agosto viene posseduto dalla dea Manasa, signora dei cobra, nel tempio hindu di Kamakhya. Il ghora (uomo posseduto) della dea Bogola, invece è molto più giovane; ha 20 anni e lavora per la security del tempio. Entrambi vivono l’ambivalente statuto di uomo/dio. L’India di oggi, in bilico tra la sua antichissima tradizione spirituale e gli svettanti shopping mall, sempre più numerosi, fa da sfondo al nostro viaggio tra sacro e profano.


mercoledì 27 marzo 2013

Bollywood: i film più significativi del 2012

Finalmente eccomi con la mia analisi dei film più significativi di Bollywood dell'anno passato. Devo confessare che nel 2012, pochi film di Bollywood mi hanno colpito in maniera significativa. Forse perché sono diventato troppo esigente? Non lo so, lascio questa decisione a voi.

Inizio subito con i film che mi sono piaciuti di più.

KAHANI (Il racconto) del regista Sujoy Ghosh è al primo posto nella mia lista. E' un piccolo film noir ambientato a Calcutta e non ha attori famosi a parte Vidya Balan, nel ruolo di una donna visibilmente in cinta che dall'America arriva a Calcutta per cercare il suo marito. L'uomo era tornato in India alcuni mesi prima e poi improvvisamente, era scomparso. La storia del film è costruita come gli strati di una cipolla, dove niente è come sembra e quando arriva alla sua sorprendente conclusione, lascia un senso di meraviglia per un giallo ben risolto. Con questo film Vidya Balan si riconferma come una delle attrici più importanti di Bollywood di questo decennio. Il film ha trovato il successo sia commerciale che quello critico.

Con "Kahani", diversi attori bravi ma poco conosciuti, hanno trovato un riconoscimento del pubblico, prima tra tutti l'attore Nawazuddin nel ruolo dell'ufficiale dei servizi segreti. Nawazuddin è stato l'attore rivelazione del 2012. Dopo più di 10 anni di piccoli ruoli nel cinema commerciale di Bollywood, nel 2012 è stato parte di 3 film importanti, ed ha vinto diversi premi.

Kahani ha anche una delle canzoni più belle di Bollywood del 2012 - la poesia "Ekla chalo re" (Se nessuno risponde alla tua chiamata, vai avanti da solo) di Rabindranath Tagore cantata da Amitabh Bachchan, in stile tradizionale di Rabindra sangeet accompagnato da un coro gospel, assolutamente da non perdere.

BARFI (Dolce) del regista Anurag Basu è un altro piccolo film del 2012 che mi è piaciuto. Il film racconta la storia di un ragazzo sordo e muto che si chiama Murphy Johnson (lui non riesce a pronunciare bene il suo nome e lo pronuncia "Barfi", un dolce tradizionale indiano) - il nome del ragazzo fa riferimento ai calendari della radio Murphy della ditta Johnson, famosi in India negli anni 1960s per le foto dei bimbi.

La storia di Barfi è raccontata da Shruti (Ileana De Cruz), un insegnate in una scuola per i sordi ed è ambientata tra Darjeeling e Calcutta, nel nord-est dell'India. La giovane Shruti arriva a Darjeeling, conosce Barfi (Ranbir Kapoor) e l'amore nasce tra i due, ma Shruti è già fidanzata con un altro, uno che ha un buon lavoro ed è di una buona famiglia. Shruti si lascia convincere da sua mamma che il suo amore per Barfi non ha un futuro e sposa il ragazzo con cui è fidanzata. Dopo alcuni anni di un matrimonio infelice, Shruti lascia il marito per tornare a Darjeeling, pensando di trovare il suo vecchio amore. Invece scopre che Barfi sta con una ragazza autistica, Jhilmil (Priyanka Chopra), e suo malgrado, devo aiutare i due a realizzare il loro amore. L'amore tra Jhilmil e Barfi non è facile e deve superare diverse prove.

Il film è raccontato come l'ago di un sismografo impazzito, va avanti e in dietro continuamente, tra il presente e il passato. Per cui, all'inizio, il film richiede un po' di concentrazione mentale per capire il suo ritmo. Gli attori principali del film - sopratutto Ranbir Kapoor, Priyanka Chopra, Ileana de Cruz, Saurabh Shukla (ispettore della polizia) e Aakash Kurana (padre di Barfi) - sono molto bravi, e il film ha una colonna sonora meravigliosa con diverse canzoni belle.

Barfi è stato criticato da alcune persone in India che hanno accusato il regista Basu di aver copiato scene da "City Lights" di Charlie Chaplin. Basu si è difeso dicendo che quelle scene sono un omaggio al grande Charlie Chaplin, e che la storia del suo film è originale. Penso che questa controversia sia banale e che il film merita tutto gli elogi che ha ricevuto.

Il film non è proprio facile da seguire all'inizio per la sua struttura, ma è un film che lascia una sensazione molto piacevole. Ero indeciso tra "Barfi" e "Kahani" per il primo posto nella mia classifica per il migliore film di Bollywood del 2012.

ENGLISH VINGLISH (Inglese Vinglese) del regista Gauri Shinde ha segnato il ritorno sullo schermo dell'attrice Sridevi dopo 16 anni. Sridevi era una delle attrici più famose e seguite di Bollywood negli anni 1980 e la prima metà degli anni 1990. Come "Kahani", anche questo film non aveva attori famosi a parte Sridevi, e come "Kahani", anche questo film ha trovato l'approvazione della critica e del pubblico. Il nome del film fa riferimento al modo particolare di parlare in India, dove alcune parole si ripetono cambiando soltanto la lettera iniziale.

"English Vinglish" è ambientato nell'India della borghesia urbana e racconta la storia di Shashi (Sridevi), una donna sposata con due figli, che si sente umiliata dal suo marito e dai figli perché non sa parlare l'inglese. Si sente ignorata e sminuita. E' brava a fare i dolci e gestisce un piccolo commercio di dolci tradizionali da fornire alle feste e ai matrimoni, ma anche per questo si sente presa in giro dal marito che lavora per una grande multinazionale e che guadagna molto di più.

Venuta a New York per il matrimonio della figlia di sua sorella maggiore, Shashi decide di iscriversi alle lezioni di inglese, e così con i compagni del corso venuti da diverse parti del mondo, scopre l'amicizia e l'autostima.

Con il lieto fine d'obbligo, il film non è un capo lavoro, ma è sicuramente un piccolo film piacevole. Personalmente per me, mi è piaciuto rivedere Sri dopo così tanti anni e riscoprire la sua magia.

TALASH (Ricerca) è il secondo film del regista Reema Kagati, la quale aveva già girato "Honeymoon travels" (2007), un piccolo film molto piacevole fatto di diverse piccole storie. Anche "Talash" è un film noir, ma a differenza di "Kahani", ha diversi attori famosi - Aamir Khan, Rani Mukherjee e Kareena Kapoor, ed è ambientato a Bombay (Mumbai). Il film inizia con una macchina su una strada vuota lungo il mare, la macchina sbanda all'improvviso e finisce in acqua. uccidendo l'autista, un famoso attore di Bollywood. L'ispettore Surjan (Aamir Khan), chiamato Suri da amici, indaga sull'incidente e la morte dell'attore. Durante le indagini lui scopre che Rosi (Kareena Kapoor), una prostituta, conosce alcuni segreti nascosti dietro l'incidente. L'ispettore si sente perseguitato dai demoni del suo passato e dai sensi di colpa per la morte del giovane figlio annegato. Sua moglie (Rani Mukherjee), invece cerca sostegno in una donna che fa il medium e dice di saper parlare con i morti.

"Talash" è un thriller sopranaturale. Non è un film eccezionale, ma se vi piacciono le storie con i fantasmi, questo film vi piacerà. L'ambientazione del film è perfetta e gli attori sono tutti bravi, compreso l'attore Nawazuddin, nel ruolo di un uomo disabile che cerca di sopravvivere in una società che lo disprezza, lo sfrutta e lo ignora.

Dibakar Bannerjee, il regista di SHANGAI è considerato tra i registi più bravi della nuova generazione di Bollywood. "Shangai" è il suo quarto film, dopo "Khosla ka Ghosla" (2006), "Oye Lucky, Lucky Oye" (2008) e "Love, Sex and Dhokha" (2004). Il suoi film narrano il mondo della piccola borghesia urbana, quella che sta appena sopra i livelli della povertà, che cerca di uscire dalla povertà e che vuole la sua parte della torta del progresso economico dell'India. I suoi personaggi sono persone emarginate che lottano con tutti i mezzi possibili, per uscire dall'emarginazione.

"Shangai" è un thriller politico. Il nome del film fa riferimento il miraggio della città cinese che ispira le piccole città asiatiche per uscire dal passato e per andare verso uno sviluppo luccicante simboleggiato dai grattacieli e dai centri commerciali. Il film è basato sul libro "Z" del autore greco Vassilis Vassilikos, ed è ambientato in una piccola cittadina nel nord est dell'India.

Il film racconta gli eventi innescati dall'uccisione del prof. Ahmadi (Prasenjit Chatterjee), apparentemente in un banale incidente. Shalini (Kalki Koechlin) è convinta che è stato ucciso perché lottava contro il gioco dei potenti in collusione con i politici, per sottrarre le terre ai poveri contadini per costruivi grattacieli e centri commerciali. Il governo nomina Krishnan (Abhay Deol) come commissario per indagare sulla morte del professore. In tanto, Shalini continua la sua ricerca e scopre che un uomo, Joginder Parmar (Emran Hashmi), che gira i film porno, ha delle prove sull'uccisione del professore.

La conclusione del film con la vincita dei buoni contro i cattivi è poco credibile, ma il film non è male. Bella musica, bravi attori e un buon ritmo, rendono il film piacevole.

MAKKHI (La mosca) è stato girato in lingua Telugu (titolo originale "Eega"), poi doppiato in Hindi. E' tra i film più originali del 2012, anche se parla di un tema vecchissimo nel mondo di Bolywood, ciò è, la vendetta dell'eroe dopo la sua morte. Il film del regista S. S. Rajamouli non ha attori conosciuti a parte Sudeep, nel ruolo di un ricco industriale-mafioso, che uccide un giovane ragazzo per prendersi la sua ragazza, Bindu (Samantha). La novità del film sta nel fatto che il ragazzo ucciso rinasce come una mosca. Potete immaginare le sfide che deve superare una mosca per convincere la sua ragazza che è il suo defunto boyfriend, riuscire a salvare la ragazza dalle grinfie del cattivo, e vendicarsi di lui.

Il film è stato girato con una mosca-superman creata sul computer e con molti effetti speciali, ma mi è piaciuto proprio perché riesce a reinventare i vecchi temi della reincarnazione e della vendetta, così cari a Bollywood, in maniera originale.

Altri film significativi del 2012

Tutti i film elencati sopra possono essere definiti dei "piccoli film". Alcuni di questi film avevano gli attori famosi, sopratutto "Talaash" e "Barfi", ma non avevano le altre caratteristiche tipiche che definiscono i film blockbusters di Bollywood - le danze colorate, gli amori impossibili, i cattivi tutti neri e le famiglie che vivono nei palazzi.

Nel 2012, oltre ai film elencati sopra, vi erano alcuni altri "piccoli" film significativi - "Paan Singh Tomar" (un film biografico sulla vita di un atleta che poi diventa un bandito, del regista Tigmanshu Dhulia, con l'attore Irrfan Khan nel ruolo del protagonista), Vicky Donor (un film sull'importanza di donare lo sperma per aiutare le coppie senza figli)  e Gangs of Wasseypur (la storia di alcune famiglie mafiose che controllano le miniere di carbone nella città di Dhanbad, del regista Anurag Kashyap).

Ma il 2012 non era soltanto l'anno di piccoli film, aveva anche i soliti blockbusters di Bollywood con le grandi stelle, i film che caratterizzano il Bollywood tra i suoi fans in tutto il mondo. Molti di questi film rientravano nel genere "azione" mentre l'anno è stato relativamente povero per i film romantici.

Il film romantico più importante del 2012 era Jab Tak Hai Jaan (Fino a quando avrò la vita) del regista Yash Chopra, il quale è morto alcuni giorni prima dell'uscita del film. Il film ha diversi nomi famosi di Bollywood - Shahrukh Khan, Katrina Kaif, Anushka Sharma, Sarika e Anupam Kher. Ciò nonostante, al film manca la magia, le emozioni sono troppo finte, e ha un Shahrukh Khan poco credibile nelle parti dove deve apparire come un giovane ragazzo di 25 anni. La parte più debole del film è la sua sceneggiatura mentre le parti più belle del film sono la sua musica (A.R. Rahman) e le canzoni scritte da Gulzaar.

Tra i film blockbusters di Bollywood, vi erano anche due spy-stories degli James Bond indiani che lottano per salvare il mondo - "Ek tha Tiger" (C'era una tigre) di Kabir Khan con Salman Khan e Katrina Kaif; e "Agent Vinod" (Agente Vinod) con Saif Ali Khan e Kareena Kapoor. Entrambi i film hanno belle scene d'azione, belle ragazze, e sono stati girati in diversi paesi. Entrambi i film sono buon passatempo.

Tra i film masala con molte scene di azione, tante danze multicolori, e le solite storie con poco cervello, i più belli erano - "Agneepath" ("La strada di fuoco" con Hrithik Roshan, Priyanka Kapoor, Sanjay Dutt e Rishi Kapoor), "Bol Bachchan" ("Parla sig. Bachchan" con Ajay Devgn, Abhishekh Kapoor, Asin e Prachi Desai), "Housefull 2" (Akshay Kumar, John Abraham, Rishi Kapoor, Randhir Kapoor e Mithun Chakraborty), "Rowdy Rathore" ("Rathore il rozzo" con Akshay Kumar e Sonakshi Sinha) e "Son of Sardaar" ("Figlio di un sikh" con Ajay Devgn e Sonakshi Sinha).

In fine, nel 2012 il regista Karan Johar, famoso per i suoi film romantici, è uscito con il suo "Student of the year" (Studente dell'anno) con 3 nuovi attori - Sidharth Malhotra, Alia Bhatt e Varun Dhawan. Il film racconta la storia di un triangolo d'amore e d'amicizia tra tre liceali, molto americani e poco indiani. Il film ha avuto un discreto successo commerciale. Personalmente l'ho trovato noioso.

Se avete avuto l'occasione di vedere altri film di Bollywood nel 2012 che vi sono piaciuti, raccontatemi quali e perché!

***

lunedì 21 gennaio 2013

Giornalismo comunitario

All'ultimo Think-Fest di Tehleka si è parlato anche dell'uso dei video per promuovere lo sviluppo partecipativo. Think-fest è il festival annuale che raccoglie pensatori, attivisti e giornalisti per tre giorni di dibattiti e discussioni, ed è organizzato da Tehalka, una rivista che ha costruito la sua fama per il suo lavoro di giornalismo senza lasciarsi condizionare dagli interessi dei potenti.

In questo intervento, due registi dei documentari, Stalin e Shubhranshu Chowdhury, hanno parlato del programma "India Unheard" (India non ascoltata) promossa dall'Associazione Video Volunteers, che forma le persone dei villaggi a diventare giornalisti e registi, per parlare di quello che succede nei loro villaggi.

I media indiani sono controllati dai gruppi editoriali legati alle elite urbane, e sempre più spesso seguono quanto deciso dalle grandi corporazioni, i quali possono ricattare i media tramite il potere della loro pubblicità. Oggi, spesso i responsabili dei grandi giornali indiani non sono giornalisti ma amministratori finanziari, i quali non permettono che le compagnie che pagano per la pubblicità non siano contenti delle notizie pubblicate sui giornali e raccontante sulle tivù.

Per cui. raramente i media parlano dei problemi delle persone dei villaggi. E quando ne parlano, lo fanno spesso dal punto di vista esterno in maniera superficiale.

Durante le discussioni, Amita Tute, una giornalista-comunitaria di "India Unheard", ha raccontato la sua esperienza di lavorare nelle aree "maoiste", dove le popolazioni locali sono schiacciate nella lotta tra la polizia statale e i gruppi maoisti.

Stalin ha detto, "Con il nome come il mio e del tema di cui siamo parlano, sarebbe stato sufficiente per chiudere in prigione come maoisti o simpatizzanti dei maoisti le persone che ci ascoltano, se questa riunione non era a Goa ma in un distretto di Chattisgarh (uno degli stati più colpiti dal maoismo). E' questo il problema in questi villaggi. Tutti possono essere considerati maoisti, possono subire violenza e non hanno nessuna voce. Se ciò può succedere a noi, pensate cosa può succedere alle popolazioni indigene di questi villaggi, chi mai ascolterà le loro voci?" India Unheard è un tentativo di dare voce a queste persone.

Potete vedere la lista completa di tutti gli interventi e i relativi video del Think Fest 2012 sul sito di Tehalka.

***

Forse vuoi leggere anche ..

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...